Il mito, l’arte, la memoria: viaggio in un universo ancora intatto raccontato dalla nostra Francesca

 

GRECIA: ALLA RICERCA DELLE NOSTRE RADICI         

 

                     By Francesca Battistin


 

 Il mito, l’arte, la memoria. Quello nella Grecia continentale è un viaggio in un universo ancora intatto, un’esperienza unica, per scoprire ed innamorarsi delle sue bellezze, e custode di tesori e culla di tutte le culture moderne. Come disse Benigni tempo fa “il debito che abbiamo con i greci è immenso, ma ormai... Invece noi tutti dovremmo pagare un euro al giorno alla Grecia per il pensiero, la filosofia e la logica che l’Antica Grecia ha dato al mondo”.


Il nostro tour di una settimana è iniziato dalla maestosa e caotica Atene alle bellezze dell'Argolide, dalla pittoresca Nauplia, a Micene, Olympia e Delfi e al sorprendente e affascinante complesso senza tempo delle Meteore.


Atene: Uno degli insediamenti urbani più antichi del mondo. Secondo i canoni estetici Atene non è una bella città. Ma ha lo straordinario potere di avvolgerti, anche con le sue contraddizioni. Abbiamo visitato: Piazza Syntagma, il Parlamento, il Monumento al Milite Ignoto e la Biblioteca Nazionale, il Palazzo Presidenziale e lo Stadio Panaiteiko. Cominciando la salita verso l'Acropoli, abbiamo ammirato l'Arco di Adriano e il Tempio di Giove. Ci ha entusiasmato la visita dell'Acropoli e del Museo Archeologico Nazionale, il quartiere Monastiraki, il quartiere la Plaka. Abbiamo avuto anche il piacere di scoprire nella zona di Kallithea, a due passi dal mare, il Centro Culturale Stavros Niarchos, progettato dall’architetto italiano Renzo Piano. Ospita la Biblioteca Nazionale della Grecia, e il nuovo Teatro dell’Opera Nazionale con un enorme parco che circonda l’intero edificio. Bellissimo!



L’Acropoli è ancora oggi il “segno distintivo” di Atene.